il premio
cos'è
perché
 
le edizioni
riconoscimenti alla memoria
albo degli insigniti
comunicati stampa
newsletter
contatti
le edizioni
17 Settembre 2005
Domenico de Aloysio
Medico Ginecologo
 

 
Fotogallery
Rassegna stampa
 
MOTIVAZIONE: Domenico de Aloysio, come molti giovani lancianesi, si trasferì a Bologna per gli studi universitari. Vi è rimasto; e non solo nella città ma anche nell'Università dove insegna ormai da oltre un trentennio. Professore Ordinario e Direttore della Clinica di Ostetricia e Ginecologia, autore di oltre 650 pubblicazioni di alto livello scientifico a tutto campo, ha raggiunto livelli di eccellenza sia per la sua attività di chirurgo con oltre tremila interventi maggiori, sia nel campo della ricerca clinica applicata, tanto da essere considerato, anche a livello intemazionale, uno dei maggiori esperti nel trattamento dell'invecchiamento femminile e segnatamente del climaterio e della postmenopausa. Ritorna oggi a Lanciano per ricevere “Il frenano d’Oro” conferitogli non solo per premiare l’opera scientifica e umana, ma anche quale segno di riconoscimento per la sua capacità di mantenere sempre vivi i rapporti con la città natale.
 
CURRICULUM: Il prof. Domenico de Aloysio è nato nel 1948. Ha conseguito in Bologna la Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1972 con la pubblicazione della Tesi di Laurea ed il Diploma di Specializzazione in Ostetrica e Ginecologia nel 1976 ugualmente con pubblicazione della Tesi di Specializzazione.
Dal 1972 al 1985 ha svolto come Ricercatore Universitario attività di ricerca e di assistenza presso la Clinica Ostetrica e Ginecologica dell'Università di Bologna.
Dal 1985 al 2000 è stato Professore Associato, dal 2000 ad oggi è Professore Ordinario di Ostetricia e Ginecologia.
È Direttore della Clinica Ostetrica e Ginecologica e Fisiopatologia Ginecologica della Terza Età dell'Università di Bologna, Azienda Ospedaliera S. Orsola-Malpighi.
È Presidente del Corso di Laurea in Ostetricia ed è Direttore dell'Unità Complessa di Istitu ti di Ostetricia e Ginecologia dell'Università di Bologna.
Dal 1974 sino ad oggi ha svolto attività didattica al Corso di Laurea in Medicina e Chinirgia, al Corso di Laurea in Ostetricia e presso numerose Scuole di Specializzazione. Mediche e Chirurgiche.
Ha svolto, nelle funzioni di ostetrico-ginecologo, attività di assistenza e cura - medica e chirurgica - dal novembre 1972 ad oggi con oltre 3000 interventi chirurgici maggiori.
Dal 1973 ad oggi ha partecipato a numerosi Congressi nazionali ed internazionali concernenti le Discipline ostetrica e ginecologica con proprie relazioni originali su temi di andrologia, endocrinologia, ginecologia, ostetricia, sessuologia e fisiopatologia del climaterio e della post-
menopausa.
È autore di circa 650 pubblicazioni, di cui diverse con Impact Factor Internazionale e di circa 30 Monografie. Egli ha, poi, curato l'edizione italiana di 12 volumi attinenti la disciplina ostetrico-ginecologica.
Membro di numerose Società medico scientifiche nazionali ed internazionali. E' stato il Coordinatore italiano del Progetto Icarus ed il presidente del GOERM (Gruppo Operativo Emiliano Romagnolo per la Menopausa).
Dall’01-04 è Direttore della Rivista Italiana di Ginecologia e Ostetricia.
È Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Scienze Ostetriche e Ginecologiche dell'Università di Palma.
Ha curato oltre 50 Corsi di Aggiornamento sul management clinico-assistenziale della donna in età climaterica con Primari e Dirigenti di I livello, Unità Operative Italiane di Ginecologia ed Ostetricia.
Il Prof. de Aloysio è stato indicato come Presidente del Congresso Nazionale della Società
Italiana di Ostetricia e Ginecologia che si terrà in Bologna nel Settembre 2005.
 
IL "GIARDINIERE" DELLA VITA

E’ stata una idea veramente felice di Ennio De Benedictis quella di assegnare annualmente un premio ad una personalità della Frentania che si è distinta in ambito nazionale e internazionale, onorando la terra natale.
Ennio De Benedictis conferma così una tipica consuetudine degli antichi Frentani, i quali (come si legge in un famoso testo dello storico Domenico Romanelli, citato da Mario Giancristofaro) dispensavano "premi ed onori ad uomini meritevoli, per accendere il genio ed animare alle nobili imprese".
L'edizione 2005 porta il nome di Domenico de Aloysio, cattedratico dell'Università di Bologna e
direttore della clinica Sant'Orsola.
È autore di quasi settecento pubblicazioni di alto livello scientifico, che sono il frutto della sua attività di chirurgo e della sua genialità di infaticabile ricercatore.
Per la sua innata modestia egli sopporta con qualche disagio la pioggia di elogi che gli vengono da ogni parte.
Chi lo ha conosciuto sin dai tempi dei suoi anni verdi non può fare a meno di ricordare l'eccezionalità dell'intelligenza, la straordinaria capacità di sintesi, la mitezza del carattere e la schiettezza di rapporti con gli altri.
Domenico de Aloysio appartiene ad una delle famiglie di Lanciano, che nel corso dei secoli ha dato molto alla Città in campi diversi del sapere e dell’operare. E’ motivo di orgoglio e gioia per la comunità frentana constatare come un gruppo famigliare, con tanti successi conseguiti in aree lontane continui a tenere sempre stretti i legami di ricordi, simpatia, solidarietà con la piccola patria di origine.
Domenico de Aloysio si colloca, assai onorevolmente, nel lungo elenco di quelle splendide personalità che hanno dato fama alla nostra città nell'arte della medicina e chirurgia. Uno dei primi nomi importanti che s'incontrano (come ha rilevato Urbano Fanci in una sua accurata ricerca) è quello di Guillelmo, chirurgo nel 1300 presso la corte di Carlo d'Angiò e poi di Roberto suo figlio.
Verso la fine del 1500 si distinse Iacopo Fella, medico e letterato. Nel 1800 Luigi De Creocchio, oltre che cattedratico di Medicina Legale, fu anche rettore.
Il "Frentano d'Oro" con l'attribuzione a Domenico de Aloysio, è, a nostro parere, anche un omaggio a quanti nell'area di Lanciano si sono dedicati all'arte di Ippocrate con impegno e ingegno.
Che cosa può dire, in conclusione, un anziano ad un suo valoroso e ancor giovane amico?
Può manifestargli di nuovo la sua ammirazione e augurargli che per molti anni ancora voglia continuare a favorire, con la perizia della sua alta professionalità medica, il nascere di sempre splendidi fiori nel giardino della vita.

Giovanni Nativio
scrittore


EDIZIONE 2005: relatori il prof. Francesco Antonio Manzoli, professore ordinario di Anatomia Umana Normale della Università di Bologna e la prof.ssa Maria Luisa Altieri Biagi, professore Ordinario di Storia della lingua italiana, accademica effettiva della Crusca e dell’Istituto delle Scienze dell’Università di Bologna.
 
Link d'interesse: